Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi


Netgear Nighthawk Pro Gaming XR500, il router per gli incontentabili

Dimentichiamoci dei router anonimi: il nuovo Netgear Nighthawk Pro Gaming XR500 stupisce fin dalla prima occhiata, anche se sono le sue prestazioni che faranno la differenza.

Netgear Nighthawk XR500

Lo scopo del Nighthawk Pro Gaming è quello di offrire le massime prestazioni in ogni situazione, con un occhio di riguardo a quelle più estreme, come durante le sessioni di gioco, dove serve una connessione il più possibile stabile.

Netgear Nighthawk XR500

Prestazioni senza compromessi

Presentato in anteprima al CES 2018, il router Netgear Nighthawk Pro Gaming XR500 sfrutta tecnologie di ultima generazione, come il wireless 802.11ac MIMO Dual band, per lo streaming contemporaneo su due bande (2,4 GHz e 5 GHz), 4 antenne per la massima copertura, Quality of Service e un processore Dual Core. Per offrire il massimo non serve però solo hardware. Il software DumaOS di NETDUMA aiuta a ridurre al minimo il ping e stabilizzare la connessione attraverso la tecnologia anti-bufferbloat; in questo modo elimina i rallentamenti prima che si verifichino problemi di rete. DumaOS può essere gestito da smartphone via app o da computer via browser e scegliere, ad esempio, come suddividere le risorse tra i dispositivi connessi, così da poter dedicare più potenza alla console durante le sessioni di gioco. La larghezza di banda è visualizzabile in tempo reale, così come il ping. La funzione geo-filter serve invece a selezionare una determinata area geografica per i server, così da poter giocare solo con persone della stessa zona.

Netgear Nighthawk XR500

Massima importanza anche alla sicurezza, per proteggere l’identità in rete e contrastare gli attacchi. Attraverso il client VPN ci si può poi connettere ad un server VPN dedicato. Ogni funzione, anche la più complessa, può essere selezionata e modificata in maniera davvero veloce e intuitiva.
Le connessioni presentano 5 porte Ethernet Gigabit (4 LAN e 1 WAN). Il router non è infatti anche modem, così da lasciare la scelta della connessione all’utente, visto che molti provider forniscono direttamente il modem di collegamento alla rete.